Santuario di San Francesco di Paola

sanfrancesco1Santuario di San Francesco di Paola

Costruita nel XVI secolo presso l’omonimo convento. L’interno a navata unica conserva un pregevole coro ligneo del 1776  (di Pasquale Pelusio) e sulla parete di fondo del presbiterio un dipinto di Felice Vitale da Maratea , con il Trionfo del nome di Gesù (forse 1584) e al di sopra di quest’ultimo una Santissima Trinità attribuita a Pietro Negroni .

Nei pressi l’ex chiesa di San Giacomo è preceduta da una statua del santo, innalzata nel 1779  per ringraziamento della sua protezione durante il terremoto del 1767.

La sesta chiesa è quella della SS. Trinità, o di San Francesco da Paola, fabbricata dal Santo Paolano, nel 1458. Ha un prospetto di ordine Dorico, e l’interno d’ordine Corinzio; ha una navata oblunga, con cappelle senza sfondo a destra e sinistra.

L’altare Maggiore è impellicciato a marmi dì diverso colore, e s’innalzava sul piano della chiesa per cinque gradini, ora per soli tre.

L’ultimo altare a dritta, dedicato al Santo Paolano, ha un quadro del Santo, copia del vero ritratto esistente in Vaticano,opera di finissimo pennello di Girolamo Varna,  una delle cose più preziose che abbia Corigliano.

In questa chiesa si conservano con molta cura e grande venerazione, una statua del Paolano, scolpita sul legno

. Nel suo petto brilla un reliquiario di argento, contornato di pietre a diversi colori, che chiude un pezzo d’osso del Santo, dono fatto da Giovanni Cimino, nel 1825.

Un crocifisso di ottone, che il Paolano portava al fianco, e che lasciò nel partire da Corigliano, quale suo ricordo, al primo correttore del nuovo convento.

Un pezzo di canna, lungo circa due palmi, di quella canna, che, si dice, aver puntellata alla porta della chiesa nell’assalto dei Turcomanni; chiusa in una teca di argento, lavorata mirabilmente e cesellata, che Baldasarre Solazzi fa eseguire a Napoli a sua devozione nel 1815.

La volta di questa chiesa è lavorata a cassettoni di legname scolpiti, come quelli di S. Paolo a Roma.

Dietro l’altare maggiore trovasi un bellissimo coro.