Morano Calabro

Classificato tra i Borghi più belli d’Italia.

Il paese vanta origini romane e la sua etimologia è alquanto incerta: alcuni storici attribuiscono lo attribuiscono ai gelsi mori di cui il territorio è ricco, altri invece fanno riferimento alla parola greca “méruma” che significherebbe “cumulo” in relazione con la posizione delle case poste proprio a cumulo sulla sommità del paese.
Nel paese possiamo ammirare il ruderi del Castello Normanno eretto nel XIII secolo possedeva inizialmente solo un grande torrione, venne rimaneggiato nel corso del ‘500 quando fu ingrandito ulteriormente nella struttura.

La Collegiata dei Santi Pietro e Paolo è la chiesa più antica di Morano e sorge sulla sommità del paese. E’ stata rielaborata in stile rococò per volere di Agostino e Maria Fusco nel 1805, presenta all’interno statue di marmo di Santa Lucia e Santa Caterina d’Alessandria attribuite a Pietro Bernini.
Da non perdere inoltre la Chiesa di San Nicola, il convento e la Chiesa di S. Bernardino del XV, la Chiesa del Carmine e il Convento del Collereto situato a pochi chilometri fuori da Morano Calabro.